Alcoa: ok voto di Forza Italia, ma governo dica cosa fare per altre aree di crisi - Mariastella Gelmini
14052
post-template-default,single,single-post,postid-14052,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Alcoa: ok voto di Forza Italia, ma governo dica cosa fare per altre aree di crisi

Il decreto su Alcoa, votato oggi alla Camera, dimostra tutta la debolezza e l’inadeguatezza delle politiche industriali e occupazionali messe in atto dagli ultimi governi, compreso quello attuale. Non una parola sul futuro degli oltre ottocento lavoratori, ne’ sull’iter che verra’ intrapreso. Nonostante cio’, abbiamo deciso di votare favorevolmente perche’ Forza Italia e’, come sempre, dalla parte di quelle famiglie che si sono ritrovate senza uno stipendio e che lottano per dare un futuro ai propri figli.

Chiediamo pero’ al governo gialloverde cosa intenda fare concretamente anche per le altre grandi aree di crisi industriali presenti in Italia. Penso, per restare in Sardegna, ad Ottana, ma anche a vertenze piu’ note come Taranto, Termini Imerese, Gela, Terni, Savona, Piombino, Val Vibrata, Rieti e Frosinone. Visto che nel ‘contratto’ del governo del cambiamento, fortemente a trazione grillina, non c’e’ traccia di politiche industriali serie e mirate, forse la nostra domanda non ricevera’ mai una risposta. Invito quindi l’esecutivo – di fronte a vertenze industriali cosi’ urgenti e delicate – ad avere lo stesso fervore che ha quando parla di reddito di cittadinanza. La campagna elettorale e’ finita, ora contano i fatti. 

Nessun commento

Scusa, il modulo dei commenti è chiuso per questa volta