Decreto Dignità: no ad iter flash, atteggiamento inaccettabile - Mariastella Gelmini
14067
post-template-default,single,single-post,postid-14067,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Decreto Dignità: no ad iter flash, atteggiamento inaccettabile

Il cosiddetto decreto dignità è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale quasi due settimane dopo la sua approvazione in Consiglio dei ministri, con un colpevole ritardo causato dai dissidi interni al governo. Adesso la maggioranza vorrebbe imporre alla Camera un iter flash: pochissimi giorni in Commissione e poi una volata finale per il passaggio in Aula. Non è accettabile un atteggiamento di questo tipo. Il Parlamento abbia il tempo necessario per esaminare in maniera approfondita il provvedimento, per fare le adeguate audizioni di esperti, per lavorare a proposte emendative al testo. Senza forzature e senza strappi.

Nessun commento

Scusa, il modulo dei commenti è chiuso per questa volta