Il futuro delle donne passa anche dal lavoro - Mariastella Gelmini
13916
post-template-default,single,single-post,postid-13916,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Il futuro delle donne passa anche dal lavoro

Ragionare sul futuro delle donne significa ragionare anche sul futuro del lavoro. Dalla parità salariale con gli uomini alla possibilità di conciliare lavoro e famiglia, passando per la valorizzazione e la tutela di chi svolge un lavoro autonomo, magari con Partita Iva.
L’Italia ha il più basso tasso di occupazione femminile nell’UE: un paradosso tutto italiano che si accompagna a uno dei più bassi tassi di maternità. E allora combattere per i diritti delle donne vuol dire anche battersi per una società più inclusiva. Noi ci siamo, pronti a lavorare per nuove politiche attive e un nuovo welfare attento alle esigenze delle donne.
Da parte delle istituzioni, delle imprese e da tutto il mondo associativo occorre un impegno costante, che duri 365 giorni l’anno e non solo l’8 marzo.

Nessun commento

Scusa, il modulo dei commenti è chiuso per questa volta