Referendum, decisivo l’impegno di Berlusconi. Ora i territori tornino protagonisti

Forza Italia ha sostenuto sin da subito il Referendum per l’autonomia regionale ed è stato decisivo l’impegno messo in campo dal presidente Silvio Berlusconi. Questo referendum rappresenta una battaglia culturale prima che politica vinta dal centrodestra nel pieno rispetto della Costituzione.

Nonostante l’invito della sinistra a disertare il voto o il tentativo di paragonare questa consultazione alla situazione catalana, la risposta dei lombardi è stata chiara: tre milioni di cittadini hanno detto sì a una maggiore autonomia, a più competenze e a una distribuzione più equa delle risorse.
Ogni regione virtuosa ha il diritto di aumentare le proprie competenze per poter compiere, con maggior autonomia e velocità, scelte importanti in termini di fisco, infrastrutture, scuola, sanità. Per poter migliorare la qualità di vita dei propri cittadini, regioni come la Lombardia devono poter contare sulle energie che producono.

Dopo la pessima riforma costituzionale proposta da Renzi, che andava esattamente nella direzione opposta e per fortuna bocciata dagli italiani, il centrodestra unito e di governo ha riportato al centro il tema dell’autonomia nell’interesse dei singoli territori. Da oggi, quindi, si apre una nuova stagione di protagonismo delle autonomie e degli enti locali che va nella direzione di un federalismo differenziato capace di valorizzare le specificità di ogni territorio.