RESHORING: COME FAR TORNARE LE IMPRESE IN ITALIA - Mariastella Gelmini
14069
post-template-default,single,single-post,postid-14069,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

RESHORING: COME FAR TORNARE LE IMPRESE IN ITALIA

Abbiamo avviato da tempo una battaglia contro il “decreto dignità”, un provvedimento anti impresa e lontano da quello che serve per produrre occupazione. In merito al processo di delocalizzazione delle imprese, per esempio, anziché favorire una seria opera di sburocratizzazione, di riduzione della pressione fiscale e di agevolazioni nei confronti degli imprenditori, si cerca di ricattarli minacciando la restituzione dei fondi statali laddove un’impresa fosse costretta ad andare all’estero. Il lavoro non si crea con un decreto e questa mattina, alla Camera dei Deputati, abbiamo presentato alcune proposte per favorire il “reshoring”, come il riutilizzo dei siti industriali dismessi, maggiori incentivi per l’impresa 4.0 e la trasformazione degli Istituti Tecnici Superiori (ITS) in Smart Academy. Stare dalla parte dell’Italia che lavora e che produce significa anche creare le condizioni per far tornare le imprese in Italia.

Nessun commento

Scusa, il modulo dei commenti è chiuso per questa volta