Vaccini, il rinvio dell’obbligatorietà è un errore. Serve responsabilità

Il rinvio dell’obbligo vaccinale è un errore, una scelta inopportuna che rischia di far pagare un prezzo alto a chi è più esposto, i bambini. Solo una tenace azione messa in campo per sconfiggere il rischio di malattie gravi può garantire una piena tutela dei soggetti più deboli.
Il posticipo dell’obbligatorietà deciso dal governo è una scelta sbagliata. Sono i medici e gli immunologi a raccomandare il vaccino, a chiederci di vaccinare i più piccoli, non è la scelta di una parte politica ma è la scienza che chiede alle istituzioni responsabilità.