Videosorveglianza: grazie a Forza Italia presto legge per tutelare i più deboli

 

I maltrattamenti sui bambini avvenuti in un asilo dei Castelli romani fanno rabbia. Provocano angoscia e orrore. Anche perché sono gli ultimi di una lunga serie di episodi di abusi sui minori, sui più deboli, su chi non ha la possibilità di difendersi da solo. La battaglia di Forza Italia per contrastare questo vergognoso fenomeno parte da lontano, dalla scorsa legislatura, nel corso della quale abbiamo presentato una proposta di legge per introdurre la videosorveglianza negli asili e nelle strutture socio assistenziali che si occupano di anziani e disabili. Il provvedimento è stato purtroppo approvato solamente alla Camera, non avendo trovato nella maggioranza la giusta sensibilità in grado di accelerarne l’iter in Senato per l’approvazione definitiva. Non ci siamo comunque arresi e con l’insediamento delle nuove Camere abbiamo ripresentato la proposta di legge, subito approvata a Montecitorio e adesso al vaglio del Senato, dove è già stata anche calendarizzata. Molto presto, dunque, grazie a Forza Italia e in particolare al lavoro delle parlamentari azzurre Annagrazia Calabria e Gabriella Giammanco, il Paese avrà una legge che tutelerà quanti, pur affidati alla responsabilità altrui, per motivi formativi, sanitari o assistenziali, ne diventano vittime. Una legge di civiltà che vuole contrastare l’odioso fenomeno degli abusi sui più deboli e che assolverà innanzitutto a una funzione preventiva. La consapevolezza della presenza di un controllo costante risulterà indispensabile anche per accertare le responsabilità di quanti dovessero eccedere il proprio ruolo in maniera violenta, proprio come accaduto nel caso emerso oggi e una tutela in più anche per tutte quelle operatrici e per tutti quegli operatori che fanno con dedizione e impegno il loro lavoro.