Berlusconi si conferma n.1, mai pensato a poltrone solo a bene cittadini

Roma, 14 feb. (AdnKronos) – “Al tavolo della coalizione Berlusconi ha dimostrato di essere ancora una volta il numero uno. Non solo perché Forza Italia a Milano, Roma, Napoli e Torino ha portato a casa delle candidature importanti, ma perché è prevalsa la capacità del nostro presidente di scegliere dei nomi esclusivamente nell’interesse dei cittadini”. MariaStella Gelmini, saluta con soddisfazione la scelta di Stefano Parisi a Milano e quella di Guido Bertolaso a Roma per le amministrative.

“Berlusconi ha sacrificato, se vogliamo, anche il suo partito, perché dice l’ex ministro e attuale vice capogruppo alla Camera di Fi all’Adnkronos – ha sempre avuto a cuore solo il bene degli italiani. Berlusconi non ha mai applicato il manuale Cencelli, ha scelto i candidati migliori. Noi non abbiamo mai pensato alle poltrone, abbiamo scelto persone coraggiose che ci mettono la faccia”.

La “cifra dei nostri candidati -assicura- non è solo l’onestà e il coraggio di scendere in campo, ma anche la capacità di guidare una macchina organizzativa complessa, come quella dei Comuni di Roma e Milano”. Gelmini non ha dubbi per la scelta dell’ex capo della Protezione civile: “Penso che Bertolaso sia il candidato giusto per affrontare i grandi problemi di Roma”.

”Bertolaso -sottolinea Gelmini – è il candidato esperto di emergenza adatto allo stato di emergenza in cui
versa la Capitale. Quando ero ministro della Pubblica istruzione, l’ho visto in azione per il terremoto a L’Aquila: al di là delle polemiche, è un uomo di azione, con un grande coraggio, è un servitore dello Stato. E’ sempre stato in prima fila. E’ un uomo di squadra, sa motivare i suoi uomini”.

Teme l’effetto boomerang delle vicende giudiziarie a carico di Bertolaso? “Certamente il coraggio di Bertolaso -replica Gelmini – è dettato anche dal fatto che la sua coscienza è assolutamente tranquilla. Le indagini avranno il loro corso e sono contenta che non gli abbiano impedito di scendere in campo. Roma è davvero conciata male, merita una guida adeguata, una persona onesta e competente come Guido”.

Parisi proverà a stringere un accordo con Corrado Passera? “Sicuramente c’è convergenza su alcuni punti programmatici e ci accomuna il giudizio negativo sulla Giunta Pisapia, ora vediamo cosa succede. Un dialogo sarebbe positvo ,dipende da Passera, non solo da noi…”.

Categorie: Comunicati