Roma, 12 ago. – La teoria della tripartizione deipoteri trova applicazione pratica dalla rivoluzione francese. È un concetto ormai assodato da secoli. In Italia invece troviamo spesso uno sconfinamento della magistratura dall’alveo dei propri poteri. Da quando in qua un giudice decide le politiche industriali di un Paese? E dovremmo forse rivolgerci al Tribunale nel momento in cui avessimo un danno per quanto riguarda il numero degli investitori stranieri interessati al nostro Paese?

La politica industriale la deve decidere il governo, non i pm. È altresi necessario trovare al più presto nel nostro Paese un equilibrio tra il diritto alla salute e il diritto al lavoro che non preveda lo smantellamento di un enorme e strategico complesso industriale, per via giudiziaria.

Categorie: Comunicati