Dati agghiaccianti, serve una rivoluzione culturale

Sono davvero agghiaccianti i dati che emergono dal Report dell’Istat ‘Gli stereotipi sui ruoli di genere e l’immagine sociale della violenza sessuale’.

Il 39,3% degli italiani ritiene che una donna è in grado di sottrarsi a un rapporto sessuale, se davvero non lo vuole; il 23,9% pensa che le donne possano provocare la violenza sessuale con il loro modo di vestire; il 15,1% è dell’opinione che una donna che subisce violenza sessuale quando è ubriaca o sotto l’effetto di droghe sia almeno in parte responsabile.
Qualche altro numero? Per il 6,2% degli italiani le donne serie non vengono violentate; per il 10,3% spesso le accuse di violenza sessuale sono false; per il 17,7% è accettabile che l’uomo controlli il cellulare della sua compagna.
Una fotografia davvero avvilente, una dimostrazione pratica del tanto lavoro che c’è – nonostante le conquiste di questi ultimi anni – ancora da fare. Contro la violenza e contro la discriminazione di genere serve, partendo dal coinvolgimento delle giovani generazioni, una vera e propria rivoluzione culturale.