DROGA, COSTRUIAMO UN NUOVO PERCORSO PER I GIOVANI

È risaputo ormai che le tossicodipendenze rappresentano un’emergenza per Milano. Purtroppo non c’è solo il tristemente noto “boschetto” di Rogoredo, ma la droga dilaga anche nelle aree della movida e nei quartieri popolari più a rischio, dove lo spaccio è diventato una grande industria. Dispiace che, in occasione dell’Hemp Fest – il festival internazionale della canapa tenutosi in città dal 3 al 5 maggio – il sindaco Sala abbia fatto come Ponzio Pilato, perdendo l’occasione di circoscrivere un evento così dannoso. E anche il fatto che oggi la maggioranza in Consiglio comunale abbia voluto solo illustrare la mozione presentata da Forza Italia (per condannare e vietare la manifestazione), per poi rinviare il voto alla prossima seduta dell’assemblea consiliare, ci conferma che il problema della droga è decisamente sottovalutato e non al centro dell’agenda politica della giunta Sala.
Invece di rinviare il problema, bisogna lavorare subito per costruire un nuovo percorso a beneficio dei nostri ragazzi, fatto di responsabilità e impegno contro ogni forma di dipendenza, pensando magari a un incontro aperto alla comunità scientifica, ai servizi pubblici coinvolti nell’attività di prevenzione e recupero, al mondo del volontariato, alle Forze dell’Ordine e alle scuole. Dopo aver trasformato Milano per tre giorni nella capitale della cannabis facciamo in modo che la nostra città possa contraddistinguersi invece per un contributo importante nella battaglia contro la droga.