Roma, 21 mag. 2014: “Sulle case e sui risparmi degli italiani è in arrivo una tempesta fiscale. A scatenarla è il governo Renzi, con la complicità di quelle sentinelle anti-tasse del Nuovo centrodestra evidentemente cadute in un sonno profondo. A pochi giorni dalla scadenza, prevista per il 16 giugno nei Comuni che hanno votato le delibere, i cittadini sono smarriti e confusi. In alcuni Comuni si 
pagherà a settembre, o forse a ottobre, in altri Comuni si deve  pagare entro giugno”. Così Mariastella Gelmini.

“E si tratta di un vero e proprio salasso visto che le aliquote medie sono del 2,5 per mille con la possibilità per i Comuni di aumentarle di 0,8 per mille. Il risultato è che la Babele fiscale in cui Renzi ha infilato l’ Italia è sotto gli occhi di tutti, con alcuni cittadini che pagano subito, altri che avranno mesi in più, ma dovranno egualmente versare. Gli 80 euro di fine maggio spariranno, come nel gioco delle tre carte, risucchiati dall’ idrovora del fisco locale. Renzi non si illuda, gli elettori hanno memoria lunga e sapranno giudicare” (Adnkronos).