Milano, 18 nov. 2015: “Trovo opportuna la scelta di onorare Khaled al-Asaad, il martire di Palmira, nel Giardino dei Giusti di Milano e coerente la scelta dell’ambasciatore francese di unirsi nel ricordo di un uomo che ha sacrificato la vita per difendere la cultura come valore universale. Questo il giorno dopo la manifestazione di solidarietà per Nathan Graff, cittadino di religione ebraica, accoltellato a Milano. E nel ricordo dalle stragi di Parigi. Ma occorre andare oltre i gesti simbolici e lavorare perché le comunità moderate di religione islamica diventino esse stesse protagoniste del dialogo tra civiltà, nel rispetto delle idee e della fede di ciascuno. Solo dal confronto, dal dialogo, nel rispetto, anche tra le forze politiche di casa nostra, saranno sconfitti integralismo e paura”. Così Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale di Forza Italia Lombardia (OMNIMILANO).