Roma, 6 gen. 2014: “Il detto ‘casa dolce casa’ è un ricordo lontano perché dopo il ciclone fiscale dei governi Monti e Letta la casa è una delle realtà più amare”.
Così Mariastella Gelmini sulla decisione di incrementare le aliquote massime della Tasi. “Uno stillicidio fiscale destinato a ripercuotersi pesantemente sull’ edilizia, paralizzando un settore che negli ultimi cinque anni ha già registrato oltre 65.000 disoccupati. La nuova raffica di tasse sulla casa sembra fatta apposta per creare ulteriore disoccupazione. Una vera beffa da parte di un governo che dice di volersi impegnare per favorire la crescita economica e l’ occupazione. L’ esecutivo Letta non ha avuto il coraggio di agire sulla spesa pubblica e la spending review rimane il titolo di un film che non riesce a trovare né un produttore né un regista. Più spese, dunque, e più tasse. Forza Italia contrasterà con forza, in Parlamento e a fianco delle associazioni di categoria, il disegno di impoverimento del Paese che è l’ unico progetto perseguito da questo governo” (AGI).