Roma, 19 dic. 2013: “L’ on. Andrea Olivero parla con lingua biforcuta e difende in modo imbarazzante l’ operato catastrofico del governo Monti dopo aver abbandonato il partito fondato dallo stesso Monti. Tanto basterebbe per qualificare la statura morale e politica di quell’ iniziativa e dei suoi protagonisti.  Berlusconi ha lasciato il governo nel novembre 2011 con il debito intorno al 120% del Pil. Monti, un anno dopo, lo ha lasciato al 135%. E Letta sembra impegnato a migliorare il fondo di quel baratro in cui Monti ha sprofondato l’ Italia. Olivero invece di polemizzare con argomentazioni deboli e contraddittorie si domandi perché con il governo Berlusconi le forze di sinistra, con spirito antinazionale, tifavano per Merkel-Sarkozy e oggi, le stesse forze, criticano la Merkel. Tanta ambiguità di atteggiamenti sarà pagata a caro prezzo dall’ Italia. Ma la sinistra, come si sa, se ne infischia del proprio Paese” (ANSA).