Gelmini, Forza Italia: Governo. Partita giocata in barba a ogni regola

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Roma, 12 feb. 2014: “Due maggioranze per un premier rischiano di essere troppe. Matteo Renzi ha calcolato sicuramente l’ azzardo, ma lo stop improvviso alla legge elettorale per consentire l’ esame di alcuni emendamenti è il primo segnale del duro negoziato che l’ aspirante premier dovrà affrontare con la maggioranza di governo se vuole tenerla unita”. Così su Facebook Mariastella Gelmini.
“Colpisce nella sua cavalcata verso palazzo Chigi una certa disinvoltura nel trattare su più tavoli. L’ Italia non è la Gran Bretagna dove il partito vincitore cambia il premier a suo piacimento. In tanti ci ricordano ogni tre per due che siamo una Repubblica parlamentare e le crisi extraparlamentari sono state sempre giudicate una distorsione delle procedure, una ferita al Parlamento. Pare invece che Renzi, indicato come fondatore di una nuova Repubblica, non disdegni astuzie e furbizie della prima Repubblica.
La ‘staffetta’, cioè la sostituzione di Letta con Renzi, diventa così un affare di famiglia. Il Pd non sfiducia Letta, per non mostrare un partito cannibale, ma gli dice garbatamente di farsi da parte e… avanti Renzi. Il tutto, si presume, con la benedizione del Quirinale. Il Parlamento, un tempo definito la casa degli italiani, diventa cosi’ spettatore di una partita giocata in barba a ogni regola” (ANSA).

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social