Roma, 3 giu. 2015:  “La ‘proposta’ del governo di scaricare sulle regioni del Nord, in particolare la Lombardia, il maggior numero di rifugiati in arrivo dal Nord Africa, con la minaccia implicita di ricorrere in caso di diniego delle amministrazioni locali, a requisire gli alloggi necessari, sembra fatta su misura per esacerbare gli animi e creare un clima di ostilita’ che questi disperati non meritano.  Va ricordato che proprio su comuni e regione sono state scaricate le responsabilita’ maggiori  nel soccorrere i migranti. In Lombardia poi, va detto, c’e’ un passaggio continuo di richiedenti asilo e disperati diretti  verso il  Nord Europa che grava sulle amministrazioni locali”. Lo dice la vice capogruppo di Forza Italia alla Camera Mariastella Gelmini.

“Inaccettabile l’atteggiamento del Governo che si ricorda dei comuni solo quando deve tagliare i contributi, aumentare le tasse o affidare incarichi gravosi e destabilizzanti. Viene naturale chiedersi cosa fanno il Governo Renzi e la Farnesina in ambito europeo per affrontare l’emergenza immigrati. Dopo la boutade sui gommoni da bombardare e la gran parte dei paesi del Mediterraneo che non vogliono saperne di quote di immigrati  da ripartire, ora siamo costretti ad assistere anche i disperati che le navi di altri paesi come la Francia fanno sbarcare nei nostri porti. Un Governo che, oltre al prestigio, rischia di perdere la faccia” (ANSA).