Roma, 11 mar. 2014: “Aree a burocrazia zero, uso premiale della leva fiscale (Irap e Ires) per le imprese che assumono, liberalizzazione dei contratti aziendali e territoriali, abrogare i vincoli introdotti dalla legge Fornero, politiche attive del lavoro per i giovani e la riqualificazione di vecchie competenze, un sistema concorrente e competitivo di servizi al pubblico impiego”. Sono alcuni dei punti delle proposte avanzate da
Mariastella Gelmini, in un intervento pubblicato oggi da Il Sole 24 Ore.
Forza Italia “è favorevole all’ adozione di misure che consentano di coniugare le esigenze di flessibilità delle imprese con i bisogni di tutela di lavoratori, attraverso interventi normativi finanziariamente sostenibili, che possano preludere alla necessaria riduzione del cuneo fiscale con la definitiva eliminazione dell’ Irap, per la sua odiosa natura di imposta dovuta anche in mancanza di utili conseguiti dalle imprese. Il lavoro si costruisce muovendo dalla realtà, ma si distrugge se qualcuno pensa di rimuovere la realtà per legge”.
Per Forza Italia rimane in ogni caso centrale un intervento del governo in materia di apprendistato per il quale chiede un ampliamento della acasualità dei contratti di apprendistato perché è il contratto di primo impiego dei giovani. Gelmini insiste sulla necessità di una semplificazione normativa, per esempio riconoscendo la formazione on the job effettuata nei contesti aziendali e un suo maggior collegamento con il sistema
educativo. (Dire)