L.STABILITA’: GELMINI, E’ SCIPPO A PROVVEDIMENTI VOLUTI DA BERLUSCONI 
Roma, 16 ott. 2015: “La legge di Stabilità proposta dal governo è uno ‘scippo’ senza precedenti ai provvedimenti voluti da Berlusconi. Ma la sinistra in servizio permanente effettivo contro Berlusconi dove è finita? La gestione dei pagamenti in contanti portata a 3mila euro è un esempio lampante: quando l’aveva proposta Berlusconi (fino a 5mila) era, per il Pd e la sinistra, un regalo agli evasori, oggi il governo Renzi la fa propria. Bene. L’altro provvedimento mutuato dal programma del centrodestra (oltre all’abolizione della tassa sulla casa) è la riduzione del costo del lavoro”. Così Mariastella Gelmini, vicecapogruppo vicario di Fi alla Camera.
“Giusto farlo – spiega l’esponente azzurra – ma l’insieme della manovra, al netto di singoli provvedimenti anche condivisibili, non cambia la natura e la fragilità dell’impianto. Una spending rewiev appena abbozzata risulta incompatibile con i conti dello Stato in
sofferenza”.
“C’è poi un grande buco nero: il rinvio di un provvedimento serio ed equo sulle pensioni. Dopo aver illuso per mesi tante famiglie che hanno sofferto un rinvio ingiustificato della pensione, il Governo sceglie il palliativo del part-time. Detto questo il nostro orientamento non può che essere negativo”, conclude l’ex ministro dell’Istruzione.