Roma, 16 gen. 2014: “Chi si ostina a mettere paletti nel confronto sulla riforma elettorale, lavora per creare nuove fratture in Parlamento e nel Paese. Le regole riguardano tutti, come dovrebbero sapere nel centrosinistra. Fa bene il segretario del Pd Matteo Renzi a esigere dal suo partito un confronto a tutto campo e a prevedere incontri con tutti i leader e quindi con il leader di Forza Italia Silvio
Berlusconi. I distinguo, quando non le vere e proprie alzate di scudi, danneggiano un serio processo di cambiamento della legge elettorale. Mettere sotto ricatto il governo, come fa il Ncd, non aiuta il governo né avvicina la riforma. A meno che dietro il lavoro degli spaccacapelli non si nasconda l’ intenzione di andare alle urne con il ‘Porcellum’ emendato dalla Consulta. Sarebbe una sciagura per l’ Italia e un grosso favore reso ll’ estremismo grillino. Forza Italia si opporrà con energia a ogni disegno di restaurazione” (AGI).