Roma, 19 gen. 2014: “La ‘profonda sintonia’ riscontrata ieri da Renzi e Berlusconi sulla riforma elettorale è il miglior risultato della politica italiana nell’ ultimo anno. Due leader pienamente legittimati, sia pure a vario titolo, si sono ritrovati a condividere il progetto ambizioso al quale Silvio Berlusconi lavora, senza mai aver trovato sponde credibili e leali, da quasi vent’ anni. Ora è
possibile.
Berlusconi si è visto riconosciuto, e con lui i milioni di italiani che gli tributano un vasto e duraturo consenso, il ruolo di grande partito e dunque di interlocutore imprenscindibile per tentare riforme ambiziose. Berlusconi e Renzi devono combattere adesso contro le pigrizie e i timori di chi vede nella riforme una minaccia a vecchie o recenti rendite di posizione. Berlusconi e Renzi hanno però dimostrato di saper gettare il cuore oltre l’ ostacolo uniti dall’ amore per l’ Italia e non da calcoli meschini sulle proprie convenienze. Ora tocca alle altre forze politiche saper dimostrare uguale disinteresse e passione civile” (AGI).