Roma, 12 ott. 2014: ”Alla popolazione genovese va la mia  solidarietà e il mio affetto insieme all’ ammirazione per le centinaia  di ragazzi che hanno scelto volontariamente di rimboccarsi le maniche  per rimuovere il fango: sono loro la migliore espressione dell’ Italia  nuova che si fa strada in mezzo a vecchi e nuovi egoismi sociali. 
Aggiungo che trovo stucchevoli e ipocrite le polemiche innescate 
contro questo o quell’ ufficio delle strutture burocratiche, si tratti 
del prefetto o della Protezione civile, per la grave sciagura che ha 
colpito Genova”. Lo scrive su facebook Mariastella Gelmini, vice 
presidente vicario di Forza Italia alla Camera dei deputati.

”Tutti sappiamo che non c’è ufficio o incarico pubblico su  cui la politica non dica una parola decisiva. Tutti sappiamo che la paralisi burocratica è figlia delle decisioni politiche e legislative, a tutti i livelli di governo. Leggi che paralizzano e bloccano le decisioni sono approvata dal Parlamento o dai Consigli regionali e dunque chiamano in primo piano le responsabilità della politica”.

”Per questo motivo inviterei tutti a smetterla di puntare il dito contro gli apparati pubblici messi in piedi dalle decisioni della politica. In questo modo si alimenta soltanto il sentimento di ostilità alla politica e si porta acqua al mulino di Grillo e del qualunquismo. Forza Italia chiede a tutta la classe politica genovese e ligure di guardare dentro se stessa prima di chiamare in causa le  responsabilità tecniche. Sarebbe un atto di grande dignità verso la  popolazione e verso gli italiani” (Adnkronos).