Gelmini, Forza Italia: Marò. Eccesso di lealtà da parte del Governo italiano

Roma, 16 gen. 2014:  Al Console Indiano di Milano non poteva capitare momento più sbagliato per la festa nazionale del suo Paese. Il diniego delle autorità pubbliche della Provincia e della Regione a partecipare al ricevimento ufficiale a Palazzo Clerici è un gesto forte, non scontato, ma reso necessario dalla sordità del governo di New Dehli sulla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Se i rapporti fra i due Paesi hanno subito incrinatur e in questi due anni la responsabilità va ricercata in un eccesso di lealtà da parte del governo Italiano, che nel gennaio 2013 costrinse i due marò a tornare in India per essere processati; ma anche nel comportamento dell’ autorità giudiziaria di quel Paese, che ha menato il can per l’ aja prima di istruire il processo e arrivare al dibattimento. In questa vicenda ho lamentato la latitanza dei governi italiani e la debolezza della nostra politica estera. Ma anche il vuoto di iniziative dell’ Europa, colmato dalla provvidenziale intuizione del vice presidente della Commissione UE, Antonio Tajani, di interrompere i negoziati commerciali con l’ India in assenza dell’ assicuraz ione che mai i due fucilieri sarebbero stati condannati a morte. Da NewDehli trapelano indiscrezioni secondo cui si sarebbe allontanato l’ incubo di una condanna a morte. È importante, ma non basta. I due marò devono essere processati in Italia, sperando per loro che la nostra giustizia sia meno lenta di quella indiana (Agenparl).

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social