Roma, 16 dic. 2013: “Le parole del Capo dello Stato vanno sempre
ascoltate con attenzione e rispetto da parte di tutti i protagonisti politici e della vita sociale. Il suo allarme sui rischi di una ‘ scossa sociale’ richiama tutti a fare i conti con la realtà drammatica del nostro Paese, come del resto aveva già fatto Berlusconi nei giorni scorsi. Esso tocca il Parlamento, ma soprattutto il governo chiamato ad assumersi le proprie responsabilità. Il governo è titolare di scelte importanti come la Legge di stabilità che Forza Italia, senza demagogia, ha cercato di correggere nella sua profonda inadeguatezza. Letta è ancora in tempo per riaprire l’ ossigeno che può venire a famiglie e imprese da un allentamento della morsa fiscale. Forza Italia è pronta a esaminare, laddove ci fossero, eventuali fatti nuovi.
Sorpresa, invece, hanno destato le parole di Napolitano sulla necessità di un accordo di maggioranza sulla legge elettorale, materia sulla quale il confronto deve essere aperto a tutte le forze politiche presenti in Parlamento. Se l’ obiettivo è di arginare le crepe nelle maggioranza temo, invece, che chiudere la legge elettorale all’ interno di quel recinto, non porti a nessuna riforma e acceleri la disgregazione della compagine che sostiene il governo” (ITALPRESS).