Roma, 18 mag. 2015: “Ho visto con piacere le ultime dichiarazioni del Presidente Maroni che delineano un avvicinamento alla nostra posizione: no ad un sussidio generalizzato con logica meramente assistenziale, ma un sostegno temporaneo e finalizzato alle persone che hanno davvero bisogno e che non possono essere inserite o reinserite nel mondo del lavoro.  Quindi passiamo dalle parole ai fatti, ma non parliamo piu’ di “reddito di cittadinanza”. Invece da un lato parliamo di “politiche attive del lavoro” e dall’altra di sostegno agli indigenti”. Cosi’ Mariastella Gelmini.

“In ogni caso – aggiunge – per Forza Italia il lavoro e l’impresa rimangono sempre centrali e ci impegniamo a trovare soluzioni innovative anche sul piano nazionale, come l’introduzione dell’imposta negativa, per cui chi guadagna meno, riceve una sorta di rimborso da parte del fisco.  In mancanza di una seria politica nazionale da parte del Governo, da attuare nel quadro di una generale riduzione della tassazione, e’ giusto che Regione Lombardia svolga un ruolo di supplenza del Governo come ormai i lombardi sono soliti avere” (ANSA).