Milano, 18 nov. 2015: “La guerra di cui si parla in questi giorni, al di là delle possibili azioni militari, è anzitutto una guerra di intelligence e di gestione del territorio. La legge regionale lombarda sulle moschee introduce senza dubbio regole e controlli piu’ stringenti che senza negare la liberta’ di culto, offrono garanzie ai cittadini”. Lo dichiara in una nota Mariastella Gelmini, coordinatrice di FI in Lombardia.

“Il Governo rinunci a impugnarla davanti alla Corte costituzionale. Ogni legge – aggiunge Gelmini associandosi alla medesima richiesta formulata dal governatore Roberto Maroni – si può migliorare, ma oggi la Lombardia ha uno strumento normativo pienamente in linea con l’emergenza del momento. Destrutturarlo proprio adesso sarebbe un errore grave” (ANSA).