Gelmini – Pedrazzini su proposta governatore Lombardia

   

Milano, 18 mag. 2015: “Passiamo dalle parole ai fatti, ma non parliamo piu’ di ‘reddito di cittadinanza'”: lo ha affermato in una nota il coordinatore di Forza Italia in Lombardia, Mariastella Gelmini, commentando in una nota le ultime dichiarazioni del presidente della Regione Roberto Maroni, che “delineano un avvicinamento alla nostra posizione: no ad un sussidio generalizzato con logica meramente assistenziale”.

“Ci impegniamo a trovare soluzioni innovative anche sul piano nazionale, come l’introduzione dell’imposta negativa, per cui chi guadagna meno, riceve un rimborso da parte del fisco”, ha ribadito il coordinatore Gelmini.

“Nella stessa dizione ‘reddito di cittadinanza’ si dà l’idea che sia sufficiente essere residenti da 5 anni in Lombardia per avere un contributo di 700 euro al mese vita natural durante”, ha dichiarato anche il capogruppo di FI in Regione, Claudio Pedrazzini.

La proposta, contenuta nella nota del capogruppo, e’ di rafforzare la misura regionale contro la disoccupazione, la Dote Unica Lavoro, “anche per le fasce piu’ deboli” e di contrastare le situazioni di poverta’ con la “tassazione negativa” cioe’ introducendo “una sorta di rimborso da parte del fisco a chi guadagna al di sotto della no tax area” (ANSA).