Roma, 11 feb. 2015: “Forza Italia rimane presidio insostituibile dell’area moderata, riformista, liberale ed europea. Il presidente Berlusconi lo ha opportunamente ricordato a quanti nel partito hanno affacciato il timore di un appannamento della nostra identità. Con questo spirito Forza Italia si apre al confronto con gli alleati tradizionali come la Lega o il Nuovo centrodestra, con cui governiamo in Lombardia, ma aperti al dialogo con chiunque nel centrodestra abbia lo stesso spirito di apertura.  Siamo una forza moderata, inserita nella famiglia dei Popolari europei, e da questa posizione siamo pronti al confronto, senza spirito di subalternità verso chiunque. In vista delle prossime regionali Forza Italia non pone veti a nessun candidato proposto dagli alleati, ma neanche può accettare veti o imposizioni che offenderebbero i nostri elettori. Portiamo rispetto e dobbiamo pretenderne da chi vuole allearsi con noi. Sarà bene ricordare, però, che con i diktat non si costruiscono alleanze durature e apprezzate dagli elettori. Si rischia di regalare la vittoria a una sinistra che si è cambiata d’abito ma non ha cambiato la sua mentalità. Chi pone veti nel centrodestra e complica il dialogo rischia di essere un alleato involontario ma decisivo del Pd”. Lo dichiara in una nota, Mariastella Gelmini (Il Velino).