Gelmini, Forza Italia: Ruby ter. Da procura Milano avvertimento anche a Renzi

Roma, 24 gen. 2014: “E’ diventata perfino stucchevole l’ immagine della giustizia a orologeria, tanto in orario sono partiti e arrivati i treni dei processi contro il presidente Berlusconi. I macchinisti infaticabili della procura di Milano hanno fatto partire un altro convoglio, come gli altri destinato a finire su un binario morto se e quando un giudice sereno potrà giudicare. È però significativo, va detto, che non appena il presidente Berlusconi compie un gesto o un atto politicamente rilevante per le sorti dell’ Italia, puntuale arriva l’ indagine. Si delinea sullo sfondo un teorema non infondato: poiché Berlusconi è il protagonista da cui nessuno può prescindere per riformare l’ Italia, è evidente che il campo dei conservatori, politici e di privilegi, teme come la peste la saldatura di un fronte riformista da Berlusconi a Renzi. Senza Berlusconi, infatti, anche il riformismo di Renzi sarebbe destinato a soccombere nella selva delle corporazioni che ammorbano il Paese. Colpire Berlusconi significa dunque colpire il disegno riformatore. In questo modo si ‘avverte’ anche il leader del Pd” (Dire).

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social