Gelmini, Forza Italia: Scuola. Con me opposizione fu molto più ideologica

Partita politica tutta interna al Pd
Roma, 19 mag. 2015: “Il ministro dell’Istruzione non puo’ avere la pelle fina, il confronto e’ senza sconti e non ci si
annoia mai”. Lo afferma alla Stampa Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione tra il 2008 e il 2011 nel governo Berlusconi. “Rivedo lo stesso film – spiega Gelmini – ma l’ opposizione fu molto piu’ dura, preconcetta e allarmistica.
Rifarei i tagli, la scuola non e’ un ammortizzatore sociale. Se gli studenti calano non si puo’ aumentare l’organico”.
Alla domanda se la sinistra sia cambiata, Gelmini replica: “Allora Bersani saliva sui tetti contro le mie idee. Oggi c’e’ un cambio di linguaggio: si supera la demonizzazione delle paritarie, la parola merito non e’ un insulto, si difende il principio della valutazione dei docenti”.
Alla domanda se si tratti di una riforma di destra come dice Fassina, Gelmini osserva: “La narrazione di Renzi e’ suggestiva, a tratti suona di centrodestra. Il limite e’ che il suo riformismo si ferma alle parole. Il provvedimento e’ gia’ molto indebolito dagli emendamenti accolti dal governo in commissione. Il preside-sceriffo, ammesso che sia mai esistito, ora e’ ridotto a un preside-passacarte senza poteri decisionali forti. Renzi ha gia’ perso la battaglia”. “Renzi – sottolinea inoltre Gelmini – ha interesse a rappresentare una sinistra innovativa, il sindacato a difendere la scuola da un pericolo inesistente” (ANSA).

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social