Roma, 07 ago – A volte sembra che nel guidare il governo al Presidente Monti scappi il freno. Sono giorni intensi e difficili in cui tutti dobbiamo dar prova di autocontrollo e onestà intellettuale. D’altra parte l’altalena dello spread si è rivelata spesso indifferente ai tagli, ai risparmi e ai sacrifici tanto per Berlusconi quanto per Monti. E questa difficile esperienza dovrebbe accomunare più che dividere. Dobbiamo stare attenti: non c’è solo antipolitica; lo spirito antitedesco e il rifiuto dei sacrifici covano ormai sotto la cenere e se qualcuno li agitasse potrebbe anche buttare giù il castello della responsabilità e di questa lenta e faticosa ricostruzione.