Gelmini, PdL: abolire il valore legale della laurea per puntare sul merito

Roma, 27 gen. – Fatta per premiare i migliori, l’abolizione del valore legale della laurea conosce oggi un contesto assai diverso da quell’iniziale disputa tra liberismo e uguaglianza. È una parte non piccola, non secondaria, di quella battaglia e quella sfida tra il rinnovarsi o il morire in cui l’Italia è impegnata in questa difficile stagione. E per la quale noi abbiamo deciso di spenderci sostenendo il governo, ma anche aiutandolo e spronandolo a fare di più. Il sistema della formazione è sempre più decisivo nella competizione internazionale e l’Italia deve smetterla di illudere e di illudersi con la lusinga delle parole egualitarie e far vincere la cultura del merito.