Roma, 15 mag. – Le motivazioni della sentenza Mills rovesciano completamente il pregiudizio di colpevolezza che l’accusa aveva sapientemente costruito in questi anni, usando i media come una buca delle lettere. Una pubblica accusa che il giudice ora chiama sul banco degli accusati.