Gelmini, PdL: elezioni, Casini vuole distruggere bipolarismo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Roma, 21 dic. – Mentre Berlusconi ha con chiarezza offerto di anteporre la vittoria di un fronte moderato alle sue ambizioni, Casini, dopo aver fantasticato di un centro-sinistra europeo che prima Vendola e ben più autorevolmente l’esito della riunione del PPE, a Bruxelles, ha guardato come il fumo negli occhi, ora ha ripiegato verso un piano B che è una variante della stessa minestra.

Facendo la lista dei buoni e dei cattivi Casini vuole convincere Monti a guidare un gruppo di cespugli ad una trattativa con Bersani e ripropone quindi un’alleanza politica incompatibile tanto con il rigore quanto con il coraggio che la ripresa impone per disboscare il burocratismo italiano.

È il solito schema che tende a distruggere l’impianto bipolare, una strategia incompatibile tanto con il Popolarismo europeo quanto con l’agenda europea che Monti ha cominciato a declinare, incontrando la fiera resistenza di parte del Pd, della CGIL e l’opposizione di Sel. In pratica per Casini sarebbero questi i nuovi compagni di strada di Monti.

È questo tentativo di riprodurre la palude della prima Repubblica il vero disco rotto che Casini suona da oltre 30 anni.

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social