Roma, 05 set. – Stiamo facendo un grande pressing sul presidente Berlusconi perché si candidi: alla fine non potrà deludere, non tanto i dirigenti del PdL, quanto gli elettori.

Confidiamo che Berlusconi si candidi dopodiché le primarie nel centrodestra non hanno senso perché non c’è uno scontro ideologico. Personalmente poi non sono favorevole, perché credo che un partito debba avere anche la capacità e il dovere di decidere, mentre le Primarie sono un modo per evitare di decidere.

Nel Pd hanno un senso perché non ci sono solo due candidati, Bersani e Renzi, ma anche due visioni del mondo.