Roma, 25 ott. 2013:  “Oggi più che mai è urgente una riforma della giustizia. La chiediamo da anni, adesso è diventata un’ emergenza percepita con grande preoccupazione da tutti i cittadini e, come dicono i dati, è nociva per la competitività del Paese disincentivando gli investimenti esteri. Dall’ Anm ci saremmo aspettati oggi, piuttosto che  una scomposta autodifesa, dai toni eccessivamente alti e forzatamente esagerati nei contenuti, almeno un accenno di autocritica davanti a una realtà che non si può negare, davanti all’ evidente persecuzione giudiziaria, allo sfrontato uso politico della giustizia volto ad annientare l’ avversario politico da parte di una fetta minoritaria della magistratura. Un potere che ormai si sente, ed è, intoccabile, tanto da dettar legge, cosa che spetterebbe ad un altro potere, quello legislativo, tanto da riuscire a bloccare i sistemi produttivi, se lo vuole. E’, questa, ormai una deriva che rischia seriamente di minacciare la nostra democrazia” (Agenparl).