Gelmini, PdL: i rilievi CGIL non condizionino il PD

Roma, 8 feb. – Vedo che si moltiplicano i rilievi CGIL, molto critici con il governo: dal mercato del lavoro alla scuola. Sembra cosi delinearsi, dopo un primo entusiasmo all’insegna dell’interesse italiano, qualcosa di più di una disaffezione, che tende a trascinare il partito di riferimento, il Pd. Il fatto è che le ricette anticrisi che il governo precedente aveva concordato con Bruxelles sono assai distanti dalle incrostazioni ideologiche che ancora stancamente e ritualmente si ripropongono nonostante abbiano frenato per anni l’Italia e causato la nostra attuale arretratezza.