Roma, 17 lug. 2013: Il Coordinamento del gruppo Facebook Tieffini per inserimento nelle GaE informa dell’incontro avvenuto con il Ministro Maria Chiara Carrozza.

Alle ore 11:00 di oggi 15 luglio il Ministro Carrozza ha ricevuto una delegazione del gruppo Facebook del TFA ordinario, durante il sit in svoltosi in viale Trastevere. In presenza della rappresentanza istituzionale, costituita dal ministro stesso, dal dott. Chiappetta e da altri funzionari ministeriali, sono state avanzate le richieste di inserimento nelle Gae e di differenziazione giuridica tra gli abilitati del TFA e quelli che conseguiranno il titolo tramite i PAS. È stato inoltre chiesto al Ministro di confermare il percorso meritocratico attraverso la realizzazione di un secondo ciclo di TFA ordinario, unica vera procedura moderna di formazione docente che non va interrotta, ma che anzi andrebbe promossa come unico canale di abilitazione con un incremento dei posti in palio, tenendo in conto la posizione degli idonei non rientrati nel primo appena concluso.
Il capo dipartimento dott. Chiappetta ha avuto modo di riassumere il quadro normativo che disciplina la nostra situazione, riconoscendo il vulnus del D.M. 572/13 che prevede l’integrazione delle GaE solo per alcuni profili di abilitati, discriminando chi, come noi del TFA, si è abilitato mediante gli stessi corsi. Il Ministro ha dimostrato sensibilità nei confronti delle nostre ragioni, sottolineando la necessità di rimettere ordine nel reclutamento del personale scolastico. Se da un lato ha ribadito l’importanza di riconoscere il servizio prestato da tanti insegnanti di terza fascia delle Graduatorie d’istituto, dall’altro ha dichiarato che farà sì che fra i due percorsi di formazione ci sia una distinzione in osservanza del principio del merito e che non si assista al paradosso per cui chi ha una maggiore anzianità di servizio possa scavalcare in graduatoria chi ha conseguito il titolo tramite il TFA.
La questione dell’inserimento degli abilitati TFA nelle GaE apparterrebbe, invece, ad una sfera parlamentare: è solo lì la sede deputata a proporre emendamenti e risoluzioni atti a vararne la riapertura. Di fronte alla richiesta di immediata spendibilità del titolo di abilitazione, il dott. Chiappetta non ha infine escluso che si possano trovare le condizioni regolamentari per prevedere una riapertura ad hoc delle Graduatorie d’istituto per l’inserimento in II fascia. Il ministro ha poi assicurato che verrà bandito un secondo ciclo di TFA ordinario, nel quale si terrà conto della questione degli idonei. Il coordinamento degli abilitati TFA intende perciò proseguire la sua attività volta a promuovere il riconoscimento dei propri diritti attraverso la richiesta ufficiale di audizione presso la VII Commissione Cultura e Istruzione della Camera per presentare una mozione che possa sancirli una volta per tutte.