CI HA PENALIZZATO IL MANCATO TRASCINAMENTO DELLE POLITICHE
Roma, 11 giu. 2013:  “Senza Berlusconi siamo più deboli e non si vince. Certamente ci ha penalizzato l’ astensionismo, ma anche il mancato trascinamento delle Politiche, oltre che la mancata presenza in prima persona di Berlusconi”. Mariastella Gelmini, vice capogruppo del Pdl alla Camera, così commenta in un’ intervista al Mattino i risultati delle amministrative.
“Spesso in alcuni comuni capoluoghi il centrodestra si è presentato diviso. E la contesa che ne scaturisce tra due o anche più candidati finisce per consegnare i municipi alla sinistra. Non solo, ma ci sono margini di miglioramento nell’ organizzazione, ovverola struttura di un partito leggero mal si adatta ad una forza politica come la nostra che per sua natura ha l’ ambizione di governare anche nelle realtà amministrative. C’ è anche un problema di comunicazione: parlo per la mia città, Brescia, dove il sindaco uscente non è stato confermato, credo anche perche’ non si è riusciti a comunicare in modo adeguato quello che si è fatto in questi mesi. Contano poco le larghe intese: prova ne sia che anche gli M5S non hanno poi conseguito risultati così brillanti.
Non so come possa reagire il popolo del centrodestra di fronte ad un eventuale verdetto negativo – dice Gelmini a proposito del 19 giugno, data in cui la Consulta si esprime sul legittimo impedimento per il processo Mediaset -: sarebbe la prova di un uso politico della giustizia, quasi come un epilogo della guerra dei 20 anni. Nel centrodestra si guarda a questo appuntamento con tanta angoscia e preoccupazione”.(ANSA).