Roma, 7 sett.: “Condividiamo la lotta contro i diplomifici, che sono un cancro del sistema scolastico e l’ emblema del “pezzo di carta” antimeritocatico. Ma cosa c’ entri con la lotta ai diplomifici imporre ai privati un numero minimo di alunni per classe e’ un mistero. Peraltro si tratterebbe della stessa norma già dichiarata illegittima dalla magistratura . Perché dunque riproporre una norma inutile nella lotta ai diplomifici, ma che rischia di danneggiare, in un momento di crisi, le paritarie sane?
Chiediamo al governo di ripensarci e trovare soluzioni alternative”.