Di Laura Verlicchi – Da Il Giornale

Marenzi alla presidenza del Sistema moda Italia
L’imprenditore: «E’ la chiave del successo». Scontro su Londra sulle sfilate «anti- Pitti»

Non è un compito facile quello che attende Claudio Marenzi, neoeletto presidente di Sistema moda Italia, e non solo per colpa della crisi. Che certo si sente: il settore tessile e abbigliamento ha perso oltre il 10% dei ricavi rispetto al 2007. E non bastano i pur lusinghieri risultati in mercati importanti come Giappone (+l4,9% l’export), Stati Uniti (+15,1%) e Cina (+18,3% )a evitare il calo dei fatturati nel 2012: -3,2% in totale, ma con andamenti diversi all’interno della filiera.

A soffrire infatti e soprattutto il comparto «a monte» (filatura e tessitura) che accusa una flessione dell’ 8,4% del fatturato, mentre l’abbigliamento, «a valle», rimane sostanzialmente stabile (+0,3%). Anche l’export, per la prima volta dopo tre anni, registra un calo,sia pure infinitesimale: un -0,8% che suona però come un campanello d’allarme, avverte Marenzi.

Non a caso nel suo primo intervento all’assemblea di Smi, il neopresidente ha insistito sulla necessità di fare sistema con tutti i protagonisti del settore, Camera della moda in primis, per portare in ltalia sempre più consumatori stranieri, conquistando i potenti buyer, signori della grande distribuzione: «L’unica misura del successo della nostra azione – ha detto Marenzi, che guida l’azienda di famiglia Henros – sarà la crescita dei fatturati delle aziende all’estero; tutto il resto è poesia». Ma dall’estero, ultimamente, non arrivano solo soddisfazioni per il made in ltaly. La stagione della moda maschile si è ap pena conclusa e brucia ancora lo sgarbo di Londra, che da tre stagioni combatte con la storica rassegna di Palazzo Pitti una guerra non dichiarata ma pericolosa, sovrapponendo le sue sfilate a quelle fiorentine per «scippare» marchi e compratori. Una sfida che però l’Italia non intende lasciar cadere: «Non lasceremo che gli inglesi ci portino via Pitti – dichiara senza mezzi termini il viceministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda – Faremo tutto quello che è necessario per difendere una manifestazione fondamentale come questa, anche con iniziative di contorno», un po’ modello salone del mobile. E a questo scopo il viceministro ha annunciato che il governo raddoppierà i fondi dedicati alle iniziative promozionali per il settore tessile.