WE-Women for Expo

Di Giovanna Mancini – Da Il Sole 24 Ore

Un tema come il nutrimento del pianeta e la sua sostenibilità non poteva che trovare nelle donne – che da sempre si occupano di prendersi cura delle persone e di dare nutrimento ed energia – le migliori ambasciatrici. Per questo il Padiglione Italia a Expo 2015 ospiterà e sosterrà il progetto «We – Women for Expo», che si propone di mettere in rete donne di tutto il mondo (scrittrici, artiste, imprenditrici, scienziate) e chiedere loro idee e proposte per un pianeta più sostenibile e giusto.

«Tengo molto a questo progetto – spiega Diana Bracco, presidente Expo 2015 e Commissario generale del Padiglione Italia – che oggi si arricchisce di un ulteriore tassello. Il Padiglione Italia ha deciso di lanciare due concorsi rivolti al mondo delle start up al femminile e a quello della solidarietà dedicate alle donne. Un modo molto concreto per valorizzare il ruolo delle donne a Expo Milano 2015».
documenti

Il progetto include due concorsi, presentati stamattina a Milano, a cui proprio da oggi (e fino al 31 ottobre) le candidate potranno partecipare accedendo alla piattaforma digitale ideaTRE60 della Fondazione Italiana Accenture attarverso il sito webpadiglioneitalia.ideatre60.it. Il si intitola «Progetti delle donne-idee di start up al femminile» e si rivolge in particolare a imprenditrici e aspiranti tali, chiamate a presentare la proprie idea di start up. L’obiettivo è mettere al centro il punto di vista femminile sul tema di Expo «Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita». In palio ci sono tre premi da 40mila, 30mila e 10mila euro, erogati grazie al sostegno di Fondazione Milano Expo 2015, Fondazione Giuseppina Mai e Accenture, oltre alla visibilità nele palinsesto degli eventi che il Padiglione Italia proporrà durante il semestre espositivo.

Il secondo concorso, «Progetti per le donne – solidarietà e cambiamento positivo nella vita delle donne» ed è rivolto a società, fondazioni, associazioni, Ong, enti pubblici o privati e agenzie internazionali con sede legale in Italia che abbiano già realizzato progetti, in Italia o all’estero, finalizzati a migliorare la qualità della vita delle donne. In palio per i primi 100 progetti c’è uno spazio espositivo personalizzabile per un periodo massimo di sette giorni, una sezione dedicata nel palinsesto eventi di Women for Expo in Padiglione Italia e la visibilità del progetto sul sito web dedicato.