Imprenditore bresciano fallito a causa dello Stato. L’On. Gelmini interpella Renzi

Gelmini

Da Il Corriere della Sera – Brescia

Fallito per colpa dello Stato? Vuol vederci chiaro l’ On. Mariastella Gelmini che ha presentato un’interpellanza richiamandosi all’intervista pubblicata l’altro giorno dal Corriere ad un imprenditore edile bresciano, Maurizio Avanzi, il quale a causa di una serie infinita di lungaggini ha perso la sua azienda. Una impresa edile che per anni ha lavorato in prevalenza ad opere statali, per lo più caserme delle forze dell’ordine.

Il «caso» ha richiamato l’attenzione della deputata di Forza Italia. «Nel corso di quest’anno — scrive Mariastella Gelmini al premier — ilGoverno ha continuato ad illudere con promesse mai mantenute tanti imprenditori che vantano crediti nei confronti dello Stato». La
spirale debitoria si avvita su se stessa: «Al 30 ottobre i debiti pagati ammontano solo a 32,5 miliardi. L’Europa ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia, per il mancato rispetto della direttiva che fissa a 30 giorni il limite massimo entro il quale le pubbliche amministrazioni sono tenute a pagare i propri debiti. Tale soglia non é stata rispettata dallo Stato italiano: il tempo medio di pagamento è pari a 180 giorni, ben 150 in più: rispetto alla soglia stabilita dalla legge il che rende l’Italia il peggior pagatore dell’ Unione
europea”. Ne sa qualcosa Maurizio Avanzi».

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social