Mariastella-Gelmini

Di Paola Di Caro – Da Il Corriere della Sera

Roma, 25 apr. 2015: Oggi c’è solo una cosa da fare: gettarsi «anima e corpo» in una campagna elettorale che secondo Mariastella Gelmini — ieri a Genova con lo stato maggiore di FI a sostenere Giovanni Toti — «può darci grandi soddisfazioni» laddove si è riusciti a ricostruire una coalizione coesa di centrodestra. Ma assieme, oggi e dopo, bisognerà fare ancora di più: «Accogliere come un fatto naturale il rinnovamento anche generazionale del nostro partito, che è nel Dna di FI e di Berlusconi e che non significa rottamazione. E accompagnarlo ad un rinnovamento di idee e proposte, l’unico che può farci tornare a vincere».

Si parla di una rivoluzione per FI dopo le Regionali, con cambio anche di nome e simbolo: è così?

«Starà a Berlusconi deciderlo, ma è normale che un leader tanto attento al rapporto con gli elettori e la società, anche di fronte ad una perdita di consensi, pensi a rinnovare. Ed è normale che ci chieda di mettere tutti da parte personalismi, battaglie campali e divisioni che ci hanno fatto molto male».

Non crede che la ricucitura con Fitto, Verdini, sia ormai impossibile?

«Con Fitto, Berlusconi ha cercato fino all’ultimo di evitare lo scontro, ma è stato Raffaele che — pur partendo da istanze condivisibili — si è posto in posizione antitetica, fino a sostenere in Puglia un candidato diverso dal nostro. Per Verdini è diverso: ci sono state divergenze sulla linea politica, su come affrontare il tema delle riforme. Ma io, conoscendo il rapporto che ha Denis con il presidente, non credo alle voci che lo vorrebbero fuori dal partito, a formare nuovi gruppi».

Resta che il partito sta già cambiando pelle: ai vertici sono approdati Fiori, Ruggieri, nelle liste si punta su tanti nomi nuovi, la vecchia FI già sembra in soffitta…

«Berlusconi ha dato spiegazioni convincenti su quello che sta accadendo: si devono dare opportunità ai giovani, a nuove forze, come abbiamo sempre fatto. Io a 32 anni fui nominata coordinatore regionale, e non significò buttare a mare chi c’era prima di me. Serve la gioventù — non solo della società civile ma anche dei tanti bravi amministratori azzurri sul territorio — e serve l’esperienza, nessuno pensa di fare a meno di colleghi preziosi come Matteoli, Romani, Gasparri».

Intanto Renzi minaccia di portarvi al voto se la legge elettorale non passerà

«Comunque vada, Renzi ha già perso questa partita. Non si sarebbe trovato a fare minacce se avesse valorizzato la disponibilità di Berlusconi a fare assieme le riforme. Ora, se le otterrà, sarà a prezzo di un Parlamento spaccato. Spero poi che non abbia intenzione di mettere la fiducia, perché sarebbe gravissimo».

In un quadro che potrebbe logorarsi, è arrivato il momento di Marina a capo di FI?

«Si parla di un suo eventuale ingresso in politica da tanto tempo, lei ha sempre smentito. Non tocca a noi tirarle la giacca: se lo vorrà, sarà lei ad annunciare un suo impegno».