Conosciamo da tempo la storia di Sergio Bramini, un imprenditore che ha rischiato più volte di fallire per il mancato pagamento dei debiti della pubblica amministrazione. Lo Stato deve a Bramini ben 4 milioni di euro e per questo l’imprenditore ha già dovuto rinunciare alla propria casa. Sembrava che questo problema venisse affrontato con serietà e tempestività da parte del governo e invece apprendiamo che lo stesso Bramini venerdì rischia di subire il sequestro anche della propria azienda. Questo è uno scempio inaccettabile.

Rivolgo un appello a Di Maio e Salvini perché si adoperino ed evitino questa tragedia perché per un imprenditore essere costretto a fallire perché lo Stato non paga i propri debiti una è sanzione, una penalizzazione che non è assolutamente accettabile. Mi aspetto che venerdì questo sequestro non abbia luogo.

#IoStoConBramini

Guarda qui il mio appello al Governo e leggi l’intervista rilasciata da Bramini su Il Giornale.


1 commento

marco · 22 Dicembre 2018 alle 19:59

La Francia sfora il 3,5% di deficit
e noi dobbiamo supplicare la UE per un misero 2%…

…siamo uno Stato di serie B…

..lo Stato deve pagare subito i sui debiti …..
..dovete fare subito la flat-tax al 20%…
..bisogna che lo Stato Stampi moneta…….e sforare anche il 6 % di deficit….

..se dobbiamo stare in UE per farci umiliare…
…meglio uscire come la Inghilterra…..

I commenti sono chiusi.