Gelmini_Callori

Critiche all’alleanza con la Lega e al sit in anti-nomadi di Fdi

Da Libertà – Quotidiano di Piacenza – Di Nicoletta Novara

«Berlusconi crede nel patto del Nazareno, le regole vanno fatte assieme, ma non a colpi di ultimatum». Lo ha detto l’ex ministro Mariastella Gelmini arrivata ieri pomeriggio a Piacenza per sostenere la candidatura in Regione di Fabio Callori. Sono ore decisive queste in merito all’Italicum. L’agognato “sì” di Berlusconi si sta facendo attendere e Renzi fa sapere che «si andrà avanti lo stesso». «Molte volte Renzi ha chiesto a Berlusconi modifiche al patto originario e sono state accolte – ha detto Gelmini – per questo crediamo che debbano essere contemplate le ragioni di entrambi i contraenti».
Sulla possibilità che Renzi possa andare avanti nelle riforme contando sull’appoggio dei 5 Stelle, Gelmini commenta: «Non siamo minimamente preoccupati, abbiamo imparato a conoscere quel partito in parlamento e sappiamo che non stringe patti duraturi».
La Gelmini, nel suo tour piacentino, è stata invitata a inaugurare la ditta MC Project a Gariga di Podenzano. Nel suo discorso non sono mancati i complimenti all’imprenditore piacentino così come le stoccate al governo: «Gli annunci di Renzi non producono risultati e sono gli stessi indicatori economici a dircelo e a rappresentare una situazione molto difficile sia in termini di percentuale di disoccupazione sia per la mancata crescita». «Renzi finge di fare dei provvedimenti di centrodestra – ha aggiunto – ma in realtà non fa altro che aumentare le tasse come la stangata sulla casa, sui risparmi e l’aumento delle tasse per i professionisti».
Dal nazionale al locale, perché la Gelmini e l’onorevole Elio Massimo Palmizio (coordinatore regionale di Forza Italia) hanno speso parole di lode nei confronti del candidato piacentino. «Callori è persona di grande esperienza e di grande competenza – ha detto Gelmini – è uno dei candidati che meglio rappresenta lo spirito di Forza Italia, la nostra volontà di essere vicino al mondo dell’impresa e del lavoro». «Callori è una persona generosa e altruista – ha detto Palmizio – è importante spargere la voce, far sapere a più persone possibili delle elezioni del 23 novembre perché tanti sono disinformati. Io non condivido la nostra operazione di alleanza per cui l’unico candidato governatore è stato affidato alla Lega per questo vi chiedo votate Callori e votate la nostra lista».
Al point di corso Vittorio Emanuele era presente anche il coordinatore provinciale forzista Jonathan Papamarenghi: «L’amministrazione di sinistra che ha sempre governato la Regione ha messo la nostra provincia ai margini, è ora di compiere una scelta di campo fondamentale». Papamarenghi ha quindi criticato la scelta di Tommaso Foti (Fratelli d’Italia) per essere andato a manifestare di fronte al campo nomadi di Piacenza. A questo proposito lo stesso Callori ha detto: «I due temi principali della mia campagna sono quello del lavoro e della sicurezza. Sicurezza che non utilizzo come uno slogan, ma come un tema che ho sempre affrontato». Il 23 novembre si potranno esprimere sulla scheda elettorale due preferenze suddivise per genere. Al point di Callori è stato dato spazio di intervento anche alle due candidate di Forza Italia per le regionali, Federica Sgorbati e Guendalina Cesareo.