La generosità non ha prezzo

Vince 2700 euro, ritira il premio in ricevitoria e ne spende la metà per offrire un lussuoso pranzo a cinquanta persone con uno chef d’eccezione. Sembrerebbe il gesto tutto teso all’ostentazione di qualche facoltoso buongustaio con una predilezione per tartufo pregiato e carne di qualità. Non sempre tutto è come sembra però, di certo non in questo caso almeno. Il protagonista di questa storia, infatti, è un senzatetto e gli altri commensali sono clochard come lui e volontari presso ‘La capanna di Betlemme’ di Rimini, la struttura della comunità Papa Giovanni XXIII che offre accoglienza serale e notturna ai senza fissa dimora. Proprio uno dei volontari si è occupato della preparazione del banchetto, cucinando in una delle strutture della comunità. Zelingo Fedrighetti, questo il nome del generoso senzatetto, è un grande appassionato e conoscitore di calcio che si diletta a scommettere pochi euro la settimana su qualche partita.

Una passione che questa volta ha dato i suoi frutti e non solo in termini economici, ma soprattutto per la gioia che ha suscitato nel settantaquattrenne vincitore e in tutti gli altri ospiti della comunità che hanno potuto godere del succulento pasto, anche questo frutto delle passioni del senzatetto. Zelindo infatti, prima di ‘rinunciare a tutto’, come dice di sé stesso, era un commerciante di tartufi. Proprio alla luce di questa esperienza, si è occupato personalmente di fare la spesa e per trovare un prodotto di qualità e forse anche alla luce di un po’ di nostalgia, è andato fino ad Acqualagna, in provincia di Pesaro, per comprare il tartufo. Un tuffo nel passato per gioire e festeggiare con gli amici del futuro.