Camera -  Informativa del governo sul patto di stabilità e crescita dell'Ecofin

Dopo l’allarme di Cottarelli sui conti pubblici, è la volta del ministro dell’Economia: “La situazione economica in Italia è meno favorevole di quello che speravamo a inizio anno”.

Di Nico Di Giuseppe – Da Il Giornale

Prima l’allarme di Cottarelli, ora quello di Padoan. Non bastava la bagarre scatenatasi in Senato, adesso il premier Matteo Renzi deve fare i conti con le bacchettate e con gli allarmi provenienti dal suo governo. “La situazione economica in Italia e nella Ue è meno favorevole di quello che speravamo a inizio anno”, ha ammesso il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Che poi ha aggiunto: “La situazione richiede un maggiore sforzo per la crescita e il consolidamento dei conti pubblici”. Pochi giorni fa il presidente del Consiglio aveva ammesso che le previsioni stimate nel Documento di economia e finanza sarebbero state difficili da raggiungere: “Sarà molto difficile arrivare al +0,8% di crescita”.

Durante la conferenza stampa congiunta con il collega francese Michael Satin, il ministro dell’Economia ha poi rincarato la dose: “In un contesto di consolidamento dei conti, bisogna pensare alle misure per crescere sul lungo periodo, per le riforme, gli investimenti e l’integrazione dei mercati”. Insomma, il quadro è negativo e la crisi economica stenta a sparire. Altro che crescita, al momento il Paese è al palo.

Ad aggiungere benzina sul fuoco ci ha pensato poi anche il commissario per la spending review Carlo Cottarelli. Intervenendo sul decreto Pubblica amministrazione, che arriverà al Senato nei prossimi giorni, Cottarelli ha fatto presente che sulla cosiddetta quota 96 che manderebbe in pensione gli insegnanti penalizzati dalla riforma Fornero non ci sarebbero i soldi per realizzarla.