L’incendio a Notre-Dame è un dramma europeo

E112B1B1-BB88-4257-B7B1-0BE83A084EA2
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti chiedi talvolta dov’è l’Europa. Capita spesso in questi tempi di sovranismi nazionali, di ponti levatoi tirati sù, di frasi bellicose lanciate contro chi, grazie a noi e con noi, ha costruito, dopo una guerra devastante combattuta nel cuore del Vecchio Continente, un’Unione di pace e sviluppo. Ti chiedi se ha ancora un senso battersi contro la demagogia montante, capace di indicare nemici e non soluzioni, passato e non futuro, muri e non ponti. Poi vedi quelle immagini, vedi la guglia di Notre-Dame accartocciarsi all’inizio della Settimana Santa e capisci: quella cattedrale è Parigi, è Francia ma è soprattutto Europa, l’Europa delle nostre radici cristiane, l’Europa delle nostre speranze. “Notre Drame” titola efficacemente Liberation, il nostro dramma. È un dramma europeo, non solo parigino, non solo francese. Crocevia di storia, cultura, arte, fede, quella cattedrale ha sfidato i secoli, le guerre, le rivoluzioni, ma è rimasta lì a ricordarci chi siamo e da dove veniamo. L’Ile de la Cité, non è più un’isola: è il cuore di un’Europa ferita. E nessuna nazione europea è più un’isola. Dobbiamo solo ricordarcelo. Per non smarrire la strada, per non recidere le nostre radici. Noi ci batteremo per cambiare l’Unione Europea, per ricollegarla alla sua storia e ai suoi valori, per farla uscire dal cono d’ombra delle burocrazie. Non useremo il piccone però, ma cuore e cervello. Per una nuova Europa e per Notre-Dame.

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

0 commenti

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social