QUELLI DEL SI, A MILANO PER LA MANIFESTAZIONE DI CONFARTIGIANATO

18d85219-4366-4c91-8108-1794a1b66d7d

Dalla manifestazione di Milano della Confartigianato arriva l’accorato grido di dolore delle imprese. Sul palco il presidente Merletti, Fumagalli, Massetti e tutti i rappresentanti regionali, in sala migliaia di piccoli imprenditori provenienti da tutta Italia. Cosa chiedono? ‘Lasciateci lavorare’, ‘non bloccate le infrastrutture’, ‘abbassate le tasse’, ‘dateci strumenti per investire’, ‘lavorate per creare sviluppo e opportunita”. Il governo li ascolti e cambi questa manovra. Non serve a nulla aggiustare qualche decimale per far star buona l’Europa, le imprese chiedono di stravolgere questa legge di bilancio, chiedono uno choc fiscale, investimenti, semplificazioni. L’esecutivo si attivi e passi dalle parole ai fatti. Forza Italia vigilera’ in Parlamento e portera’ avanti le istanze di chi produce. Basta oscurantismo, lavoriamo per tornare a crescere”.

Sottoscrivi la nostra Newsletter

Per restare in contatto con noi

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Una risposta

  1. La TAV come il MOSE e il Ponte sullo stretto di Messina….sono tutte opere importanti da fare.
    Tuttavia non è necessario dire che vanno fatte, ma va detto che devono essere fatte al massimo in 1 anno.
    Bisogna farle assolutamente in 1 solo anno costi quel che costi, pur utilizzando 10.000 operai contemporaneamente.
    Mentre in Italia ci si mette come minimo 15 o 20 anni. E si paga il doppio o il triplo di ciò che si è preventivato.
    In Giappone per fare un grattacielo ci mettono 3 mesi.

I commenti sono chiusi.

Connettiti con Mariastella

Seguimi sui Social